Migliori passeggini leggeri nel 2020

Il passeggino leggero è uno strumento indispensabile per i neogenitori quando i piccoli bambini iniziano a crescere e a diventare più pesanti. La differenza fra un passeggino tradizionale ed un passeggino leggero, come è facilmente intuibile, sta nel peso. Nelle attività di tutti i giorni come fare la spesa, entrare in macchina, in ascensore o fare qualche gradino nella hall dell’edificio dove viviamo, è importante la praticità e spesso i passeggini sono più scomodi che altro. Inoltre al peso del bambino che aumenta, si aggiunge quella del passeggino che diventa anche difficile da spingere o trainare.

Per cercare il passeggino leggero più adatto alle nostre esigenze dovremmo chiaramente confrontare recensioni sui cataloghi, prezzi, modelli e perdere quindi tantissimo tempo. In questa guida vi forniremo tutte le informazioni necessarie e vi daremo modo di acquisire tutte le prerogative più importanti di un passeggino in modo tale da darvi un’idea chiara e modo di essere consapevoli della scelta che state per fare.

Dimensione e peso del passeggino

Quando parliamo di un passeggino leggero non possiamo non trattare la caratteristica più importante, quella che lo contraddistingue: dimensioni e peso. I passeggini leggeri sono da catalogare come i migliori per comodità e praticità. Leggerezza e poco ingombro sono le parole chiavi. In particolar modo il peso di un passeggino leggero non supera mai i 7 kg a seconda del modello; ma si parte da un minimo di 3 kg. La sua struttura e il peso devono essere tali da consentire spostamenti agevoli in automobile e quindi sistemazione nel portabagagli, entrata attraverso un cancello, sopra un gradino, chiusura veloce senza che sia coinvolta anche la schiena in maniera pericolosa.

Dimensione e peso non sono da sottovalutare, se state cercando un passeggino leggero dovete fare attenzione al peso e allo spazio che questo passeggino occupa. Per scegliere bisogna valutare lo spazio che si ha a disposizione e quali sono i luoghi che frequentiamo maggiormente; se questi sono particolarmente difficoltosi come per esempio un palazzo di tante scale, allora faremo bene a scegliere fra i passeggini che pesano 3-4 Kg al massimo, se invece vogliamo focalizzarci sullo spazio che occupa il passeggino perché abbiamo poco spazio in automobile e in casa per riporlo in maniera indiscreta, allora dovremmo puntare sui passeggini dalle dimensioni ridottissime che hanno magari una chiusura agevole per noi e che una volta chiusi occupano un angolo di casa quasi invisibile; oltre al fatto che ci sono passeggini che reggono in piedi autonomamente e altri che invece hanno bisogno di un appoggio.

Ciò che dobbiamo guardare con attenzione sono le effettive misure in larghezza, altezza e profondità. Queste ci servono per capire più che orientativamente quanto spazio occuperà il passeggino e quanto comodamente il bambino sarà seduto all’interno di questo. In base anche all’età del piccolo infatti dobbiamo saper scegliere la seduta. Ogni passeggino ha infatti una portata massima e minima che comunque deve adattarsi alla fisicità del piccolo.

Seduta

La seduta dove il piccolo siederà è una componente fondamentale che risulta molto importante poiché stabilisce il grado di comodità per il bambino e racchiude una serie di caratteristiche importanti per fronteggiare la sicurezza. Intanto una buona seduta è abbastanza morbida e larga per il bambino. I rivestimenti sono molto importanti poiché se non adeguatamente imbottiti possono far sedere il piccolo costringendolo a sentire gli elementi strutturali al di sotto della seduta. Alcuni rivestimenti sono dotati di cuscinetti, soprattutto nella zona del capo e della schiena che rendono quindi la permanenza all’interno del passeggino più agevole e confortevole. Inoltre i rivestimenti di un passeggino devono essere comodi per la mamma che deve lavarli, poiché si sa, i bambini si sporcano tantissimo. Il miglior rivestimento è quello che si estrae facilmente e si riaggancia con la medesima facilità dopo averlo lavato.

Analizziamo poi un altro criterio di acquisto che fa parte proprio della seduta: la possibilità di avere lo schienale reclinabile. Può sembrare scontato ma non lo è. Non tutti i passeggini sono reclinabili e non lo sono fino a 180°. Avere questo elemento come caratteristica del passeggino è importante affinché il piccolo si senta comodamente adagiato quando gli viene sonno e vuole riposare la schiena per dormire o riposare. Alcuni passeggini prevedono due livelli di altezza e quindi una reclinabilità limitata; altri invece abbassano lo schienale fino al terzo livello e offrono al piccolo maggiore confort.

Oltre ad essere reclinabile, un buon passeggino è anche reversibile. Questa caratteristica riguarda la seduta che si può eventualmente orientare fronte mamma o fronte strada a seconda del contesto e della preferenza della mamma. Anche se i passeggini leggeri essendo per lo più destinati a bambini che hanno almeno 3 anni, sono quasi tutti sempre orientati fronte strada, ma nulla esclude che qualcuno voglia poter cambiare direzione in alcuni momenti. In ultimo ma non meno importante, è da analizzare o comunque verificare la portata della seduta. I passeggini leggeri devono sostenere almeno fino a 24 kg di peso. Maggiore sarà l’età del piccolo, maggiore si presuppone sia il peso per cui consigliamo di verificare se il passeggino può esservi utile fino al momento in cui state pensando di utilizzarlo.

Sistema di chiusura

Il sistema di chiusura rappresenta la modalità e quindi il movimento per poter chiudere il passeggino. Sono essenzialmente due le possibilità: chiudere il passeggino a libro oppure ad ombrello. Entrambe possono essere ottime e validissime in termini di spazio occupato ecc.. ma comunque la scelta dipende dalle abitudini e dalle proprie disponibilità in termini di spazio a disposizione. Il sistema di chiusura a libro è tipico di quei passeggini che si sviluppano in profondità più che in larghezza. Se cercate un passeggino leggero che sia lungo molto probabilmente trovandolo, constaterete la presenza della chiusura ad ombrello. La chiusura ad ombrello richiede un porta bagagli auto lungo e non profondo. La chiusura a libro invece è meno veloce probabilmente da mettere in pratica ma è quella che rende il passeggino più compatto una volta chiuso. Questo genere di chiusura infatti è tipico del passeggino più largo che profondo e sta nel porta bagagli anche in un piccolo spazio dalla forma quadrata.

Oltre ai due tipi di chiusura è molto importante, verificare inoltre se trasportare il passeggino da chiuso sia un’azione pratica e maneggevole, o al contrario difficile. I passeggini con chiusura a libro diventano una sorta di trolley e molti sono dotati anche di manico per il trasporto, altri invece possono avere questo piccolo handicap e costringerci a sollevare il passeggino per trasportarlo. In base quindi, alle vostre abitudini, cercate di capire anche se sussistono questi importanti requisiti.

Sicurezza del passeggino

Tutti le componenti di un passeggino leggero devono orientarsi verso un fattore comune: la sicurezza. Ogni piccolo elemento, dalla seduta, alle ruote, ai materiali alla tendina para sole, devono essere sicuri per il piccolo e far stare serena la mamma. La seduta in primis deve essere affidabile per mamma e piccolo. In particolar modo ciò che dovremmo andare a considerare sono le cinture di sicurezza, la presenza e la stabilità della barra di protezione, la tipologia di ruote che monta il passeggino leggero e i freni; oltre poi naturalmente agli accessori che rendono la permanenza all’interno del passeggino sicura e confortevole per il bimbo.

Tutte le sedute sicure hanno barra di protezione e cinture di sicurezza. La barra è quella che si trova proprio davanti al bambino e che funziona anche da supporto per lui che si appoggia e non cade in avanti. Si tratta anche di una sorta di paracolpi, utilissima quando il passeggino attraversa una strada particolarmente dissestata e piena di ciottoli. Per scegliere una buona barra, occorre far caso alla mobilità della barra e quindi alla possibilità di staccarla eventualmente da un lato per consentire al  bambino di scendere autonomamente dal passeggino ed evitare così che mamma o papà si chinino mettendo a rischio la schiena. Le cinture invece possono essere diverse fra loro: in particolar modo possono essere a 5 punti oppure a tre punti. Possono poi variare per lunghezza, materiale e spessore. In un certo senso, le cinture migliori sono quelle imbottite che non segnano la pelle del bimbo. Anche se nei bambini grandicelli queste vengono spesso dimenticate, in realtà in alcuni contesti potrebbero essere veramente utili. Guardiamo se i materiali ci sembrano idonei e se sono adatti alla pelle del piccolo sia durante la stagione calda che quella fredda. Infine la regolabilità delle cinture è un elemento cui prestare attenzione in quanto i piccoli sono tutti diversi e potrebbero cambiare stazza in poco tempo.

Quando parliamo di sicurezza non possiamo prescindere dal sistema di freni presente nel passeggino. Ci sono freni a barra e freni a disco. I passeggini sono per lo più dotati di freno a barra che ferma le due ruote posteriori tramite una barra posta proprio sulle ruote oppure all’altezza della maniglie del conducente. Il sistema frenante efficiente che si aziona rapidamente, è fondamentale poiché è l’unico modo per evitare spiacevoli incidenti, che sono frequenti e difficili da gestire.

Materiali (ruote e maniglie)

I materiali di un passeggino leggero condizionano molto la qualità del prodotto. Allo stesso modo i materiali delle varie componenti condizionano la sicurezza. Considerare la robustezza dei materiali è fondamentale per capire se il passeggino è idoneo a sostenere il peso del bimbo. Il fatto che il passeggino sia leggero non significa che debba essere anche poco robusto. I materiali migliori sono atossici e i tessuti di rivestimento sono per lo più mischiati fra fibre naturali e fibre sintetiche. Così come il rivestimento, anche il telaio deve essere robusto. Di solito i passeggini leggeri sono fatti di alluminio tubolare che conferiscono leggerezza ma al contempo un’adeguata resistenza. L’alluminio è un materiale molto resistente ed essendo vuoto all’interno (struttura tubolare) risulta leggerissimo.

Ruote del passeggino leggero

In più, ci sono le ruote da considerare.  Grazie a queste il passeggino si muove sul terreno ed in base alla dimensione di queste, ai materiali e alla tipologia di ruote in generale, l’esperienza di passeggiata varia. I terreni adatti ad un passeggino leggero sono per lo più lisci ed omogenei e le ruote che montano questi passeggini sono per lo più di medio piccola grandezza. Le ruote però possono essere anche più grandi e sostenere un terreno sterrato, non del tutto omogeneo. Utile per esempio in strada in città. La leggerezza del passeggino è conferita anche dalle ruote. Queste devono consentire una spinta agevole e non mettere il conducente in condizione di sollevare il passeggino per superare ostacoli e buche.

I passeggini si differenziano gli uni dagli altri anche per il numero di ruote presenti. In genere un passeggino tradizionale ha 4 ruote, ma se preferiamo un passeggino che vada più veloce e che magari vi accompagni nelle sedute di jogging e di sport all’aria aperta, possiamo optare per i passeggini a 3 ruote.

E’ molto raro trovare passeggini leggeri a 3 ruote oppure con ruote di dimensione più grande. La stazza e la struttura del passeggino leggero, per natura non ha bisogno di ruote grandi e si muove facilmente anche su marciapiedi e strade di città. Tuttavia non è impossibile trovare modelli di questo genere. Il peso ridotto del passeggino è l’elemento chiave delle caratteristiche che lo distinguono dagli altri, di conseguenza questo passeggino può essere sollevato comunque facilmente qualora ce ne dovesse essere necessità. Le ruote grandi sarebbero ingombranti per cui molti produttori le evitano.

Altre caratteristiche che le ruote dovrebbero avere sono la capacità di piroettare e quindi di girare a 360°. Questa caratteristica rende i passeggini molto pratici e agevoli da spingere e trainare.  In genere le ruote sono così strutturate: ruote anteriori piroettanti e ruote posteriori complete di sistema frenante.
Le sue ruote sono inoltre solitamente così strutturate: le due anteriori sono piroettanti ed amplificano l’agilità di movimento del passeggino, mentre le due posteriori prevedono di solito il sistema bloccante. Alcune ruote sono poi removibili quando chiudiamo il passeggino, per facilitare la sistemazione nel portabagagli oppure per tenere il passeggino in casa.

Accessori indispensabili e secondari

Quando stiamo per scegliere il passeggino leggero migliore, è importante considerare anche il fattore accessori. Ci sono da verificare accessori indispensabili e accessori optional. Alcuni rientranti nella categoria optional possono comunque essere indispensabili per noi e quindi è comunque qualcosa di molto soggettivo da analizzare. Alcuni accessori se mancano sono comunque acquistabili in un secondo momento. Ma questo dipende dalla versatilità del modello che abbiamo scelto. In base al numero di accessori e dalla tipologia, avremo una maggiore o minore versatilità, comodità e praticità nell’utilizzo.

Gli accessori di base sono quelli che in un certo senso non influenzano il prezzo di vendita e non contribuiscono ad un aumento del costo. Questi sono la tendina para sole, il para pioggia, il cestino porta oggetti, eventualmente l’ombrellino e il sacco per proteggere il bambino alle gambe durante l’inverno. La tendina para sole è indispensabile per proteggere il piccolo dal sole, durante tutto l’anno, mentre il cestino porta oggetti può essere utile per poggiare le ruote quando le rimuoviamo o per appoggiare le buste della spesa quando ci rechiamo al supermercato. A volte, nel passeggino leggero è incluso anche un borsone porta oggetti per il bimbo, per poter inserire tutti gli effetti personali del piccolo e quindi bottiglia d’acqua, latte, salviette e cambi come il pannolino e i vestiti puliti.

Fra gli accessori optional troviamo quelle componenti aggiuntive molto importanti che fanno lievitare il prezzo e che cambiano radicalmente tipologia di passeggino: queste sono il seggiolino auto ed una seduta diversa come ad esempio la navicella, che può essere utile all’inizio, quando il bambino è ancora un lattante. Nel voler acquistare un unico passeggino sin dalla nascita da poter utilizzare anche successivamente, un genitore può scegliere infatti di acquistare un trio e quindi un passeggino composto da navicella, seggiolino auto e seduta tradizionale, che sia però parte della categoria “leggeri“. Altri accessori optional che però possono risultare indispensabili sono la zanzariera da utilizzare d’estate per proteggere il piccolo dagli insetti mentre dorme e le copertine.

Marchi validi e prezzi dei passeggini leggeri

Per prima cosa, è importante sapere di doversi sempre affidare a marchi conosciuti che possiamo reperire tranquillamente anche su internet. I produttori affidabili si trovano anche online e che è possibile spendere una cifra irrisoria e abbordabile anche per passeggini leggeri robusti e sicuri, magari completi di accessori, almeno di quelli che per noi sono utili e importanti. Naturalmente online. in particolare su Amazon, ci sono tantissimi accessori per passeggini leggeri che possono essere acquistati a buon prezzo e che sono compatibili con la maggior parte dei passeggini che troviamo proprio su Amazon. Fra i marchi recensiti al meglio citiamo Baby Jogger, Foppapedretti, Inglesina, Chicco, Kinderkraft, Safety, Hauck, Brevi, Pali e Prenatal. 

Prodotti delle migliori marche

Il prezzo inoltre è un biglietto da visita per decretare parte della qualità di un passeggino leggero. Questo dipende dalla struttura, dai materiali e dagli accessori che completano il passeggino. Il prezzo può partire  da un minimo di 50 euro e arrivare ad un massimo di 200 euro. Consideriamo che il passeggino leggero spesso viene utilizzato anche come accessorio secondario che viene affiancato ad un passeggino più robusto già in uso quotidianamente. Il passeggino leggero può essere adoperato in vacanza, a casa dei nonni e in situazioni particolari dove bisogna optare per soluzioni rapide e veloci.

Migliori passeggini leggeri nel 2020

Anna Silvestrini

Back to top
Migliori Passeggini leggeri