Quando e perché passare al passeggino leggero?

Sono tantissimi gli strumenti e gli accessori che occorrono ai neo genitori e sono molti quelli che prima di essere acquistati necessitano di una cura particolare nella valutazione dei dettagli. Il passeggino è proprio uno di questi. Per massimizzare la comodità delle uscite fuori casa, il passeggino è un ottimo alleato, e quando abbiamo uno o due bambini, soprattutto se uno dei due è più grandicello è bene cercare di prendere in considerazione il passeggino leggero che riesce ad eliminare buona parte del peso che saremmo altrimenti costretti a portare, trainando, spingendo e muovendo in generale il passeggino per le diverse vie, di strada oppure di campagna, mare ecc..

Il passeggino leggero è uno strumento che può essere ricco di accessori oppure no. Tutto dipende dal modello e dalle funzioni che cerchiamo nel passeggino, in particolare nel livello di praticità e comfort che ci serve. Molti passeggini sono multifunzionali pur essendo leggeri, perché appartenenti alla categoria dei “trio”. Questi infatti prevedono una navicella tradizionale, un telaio comunque leggero e quindi in struttura tubolare di alluminio; un ovetto supportato dalla medesima struttura ed infine una seduta progressiva. L’ovetto è la seduta che si adegua anche a d essere utilizzata come seggiolino auto e comunque in ogni caso, questo genere di passeggino supporta fino ad un massimo di 15-20 Kg; dopo di che è necessario passare alla carrozzina esclusivamente ed eventualmente cambiare il seggiolone auto.

 

Che differenza c’è fra passeggino tradizionale e leggero

A cambiare totalmente non è soltanto l’estetica del passeggino leggero che si differenzia dal passeggino tradizionale. Le differenze sono sostanziali e riguardano anche la funzionalità. Proprio per questa ragione si preferisce conoscere bene il momento utile ad effettuare un cambio e passare al passeggino leggero. Il passeggino leggero se progressivo, accompagnerà il piccolo dai 6-8 mesi fino alla fine e quindi fino a quando avrà compiuto all’incirca 5 anni e si sentirà pronto ad affrontare sempre gli spostamenti senza passeggino.

Ma prima di allora come si passa dal passeggino tradizionale a quello leggero? Quali sono le spie che ci fanno capire sia giunto il momento? Prima di tutto è bene dotarsi di uno strumento che sia robusto e resistente al di la del fatto che sia giunto o meno il momento ideale. Il passeggino leggero deve essere confortevole per il piccolo e deve essere semplice da manovrare per la mamma.

Per prima cosa il momento che si sappia, giunge quando il bambino inizia a pesare al punto tale che la mamma o chi per lei accusa il peso del bambino insieme a quello del passeggino. Passare ad un passeggino leggero permetterà di trasportare unicamente il peso del piccolo, almeno per la maggior parte della fatica.

Caratteristiche del passeggino leggero: quando è il momento giusto per effettuare il passaggio?

Le caratteristiche che si ricercano in un passeggino leggero sono comunque la compattezza ed il peso ridotto, per cui il momento ideale è anche quando il peso del piccolo diventa così ingente da ridurre anche la maneggevolezza e la manualità spiccata, quella fluidità che si avvertiva utilizzando la navicella oppure l’ovetto.

Il passeggino leggero si utilizza perché è più semplice da gestire, ma allo stesso tempo deve risultare comodo e robusto: non può quindi essere un pericolo, nemmeno minimo per il bambino. Proprio per questo molte case produttrici si sono preoccupate di realizzare passeggini che fossero semplici da chiudere e che si potessero reggere autonomamente in piedi senza pareti alle quali appoggiare il passeggino. La mamma che sta utilizzando il passeggino tradizionale si accorge di avere l’esigenza di cambiare il prodotto optando per uno meno ingombrante e più pratico, quando al momento in cui si trova da sola ha difficoltà nella gestione sicura dei bambini e contemporaneamente sistemare il passeggino, aprendolo, chiudendolo, sollevandolo ecc.. Il passeggino leggero facilita questi movimenti e sono pensati per il genitore che si trova  a da solo e deve pensare a più attività da gestire.

Arriva il momento ideale anche quando il piccolo diventa un po’ più grandicello e decidiamo sia arrivato finalmente il momento di fare qualche gita fuori porta, andare in vacanza con il piccolo oppure prendere l’aereo per la prima volta con i bimbi. In questi casi, il passeggino leggero risulta veramente indispensabile oltre che utile.

Caratteristiche importanti da cercare

  • Schienale reclinabile
  • Ruote grandi
  • Capote parasole
  • Impugnatura comoda

Ci sono alcune importanti caratteristiche da valutare prima di scegliere il passeggino leggero adatto al proprio bimbo che è passato dal passeggino tradizionale al passeggino leggero. Per prima cosa lo schienale che dovrebbe essere più comodo possibile ma soprattutto reclinabile al massimo.

Le ruote grandi e leggere sono indispensabili per un trasporto rapido ed efficace, manovre fluide e sollevamenti del passeggino; così come la capote parasole che deve essere più grande possibile per consentire una protezione del piccolo che sia più ad ampio spettro possibile, soprattutto durante la stagione estiva.

Infine ma non meno importante è l’impugnatura che consente alla mamma di facilitarsi i movimenti, le deviazioni e soprattutto di non gravare tutto il peso del piccolo su un lato o sull’altro della schiena.


Classifica dei Migliori Prodotti

Back to top
Migliori Passeggini leggeri